Топ-100
Servizi per paese: Italia Spagna CSI
Ordine Pagamento

Secondo la legislazione della Federazione Russa, il segreto dell'adozione è tutelato dalla legge. Tutte le persone a conoscenza dell'adozione sono tenute a mantenere il segreto dell'adozione con il rischio di responsabilità penale per eventuale divulgazione dello stesso.

La divulgazione del segreto di adozione è ammessa solo con il consenso dei genitori adottivi.

A prima vista, le norme indicate sono fatte con buone intenzioni, affinché una persona consideri i propri genitori adottivi come parenti di sangue.

Tuttavia, capita spesso che una persona voglia avere informazioni sui propri genitori biologici, ma i tentativi di verificare tali informazioni si scontrano con la burocrazia. 

Ad esempio, per rimpatriare in Israele o per trasferirsi in Germania occorrono i documenti confermanti l'origine ebraica o tedesca. Capita che una persona abbia bisogno di conoscere la propria predisposizione genetica per certe malattie ereditarie. In fin dei conti, a volte le persone vogliono semplicemente conoscere i propri genitori biologici per desiderio, senza dei motivi reali dal punto di vista della legge.

Cosa fare in questi casi?

Per prima cosa occorre ottenere il consenso dei genitori adottivi alla diffusione del segreto dell'adozione. Questo consenso va redatto dal notaio.

Seconda cosa, occorre rivolgersi all'organo di Stato civile che ha rilasciato i documenti di nascita e di adozione.

Bisogna fare attenzione al fatto che prima del 01 marzo 1996 sul territorio della Federazione Russa era in vigore il Codice di matrimonio e famiglia della Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa. Secondo l'art. 98 di questo Codice, l'adozione avveniva tramite decisione del comitato esecutivo distrettuale o urbano presso il Consiglio dei deputati del popolo su richiesta della persona che intendeva adottare un figlio, nel luogo di domicilio o ubicazione dell'adottato.

Pertanto, se l'adozione è avvenuta prima del 01 marzo 1996, questa procedura avveniva tramite relativo organo di autogestione locale, e non tramite tribunale, come stabilito dalla vigente legge del Codice di Famiglia.

Tuttavia, temendo di divulgare il segreto dell'adozione (anche per giusta causa, come quelle sopra riportate), gli organi di stato civile e gli organi di autogestione locale rifiutano ai richiedenti di fornire i dati richiesti.

Questo rifiuto può essere contestato in modalità di procedimento amministrativo.

Perché la causa abbia un esito positivo occorre:

  • Dimostrare la giusta causa per la quale sono necessarie le informazioni sui genitori biologici.
  • Dimostrare il consenso dei genitori adottivi alla divulgazione del segreto dell'adozione.

Un buon appoggio per chi desidera verificare le informazioni sui genitori biologici è la Delibera della Corte Suprema della Federazione Russa del 23.08.2018 № 48-KG18-16, che recita:

"Nelle situazioni di adozione, le informazioni sulla provenienza, benché riservate, possono essere indispensabili per rivelare la storia genetica di una famiglia e svelare i legami biologici che costituiscono una parte importante dell'identità di ogni persona, compresa la segretezza del nome, del luogo di nascita e di altre circostanze di adozione, come la necessità di identificare (diagnosticare) malattie ereditarie, impedire il matrimonio con parenti stretti, ecc. In questi casi si tratta di soddisfare un interesse informativo specifico di una persona, che è quello di conoscere le origini dei propri genitori, dei propri antenati, dei propri figli".

Pertanto, se ci sono delle giuste cause, il segreto dell'adozione può essere divulgato, anche in modalità giudiziaria.

Dovete affrontare i problemi relativi alla ricerca dei propri genitori biologici, al rifiuto delle informazioni da parte delle strutture ufficiali? Contattateci, penseremo a come risolvere il vostro problema!

Possibilità di divulgazione del segreto dell'adozione

Commenti

Aggiungi un commento