Топ-100
Servizi per paese: Italia Spagna CSI
Ordine Pagamento

Nelle controversie giudiziarie relative all'educazione dei figli, gli organi di tutela e curatela sono tenuti a partecipare al caso.

Tali controversie comprendono:

  • controversie sul luogo di residenza del minore in caso di separazione dei genitori;
  • controversie relative all'esercizio dei diritti genitoriali da parte di un genitore che vive separato dal bambino;
  • controversie relative alla rimozione degli ostacoli alla comunicazione dei parenti stretti con il bambino;
  • controversie relative alla privazione dei diritti genitoriali;
  • controversie relative al ripristino dei diritti genitoriali;
  • controversie relative alla limitazione dei diritti genitoriali.

Il compito degli organi di tutela e curatela è quello di esaminare le condizioni abitative e di vita delle parti e preparare un parere sull’istanza. Senza questi documenti, il tribunale non può pronunciarsi sul caso.

Nella pratica, sorgono diverse domande sul ruolo di questi organi nell'esame di questa categoria di controversie, nonché sulle modalità delle loro azioni. Cercheremo di rispondere alle domande più frequenti.

1. A che titolo gli organi di tutela e di curatela sono coinvolti nel caso?

La partecipazione degli organi di tutela e di curatela alle controversie relative all'educazione dei figli è regolata dall'articolo 47 del Codice di Procedura Civile della Federazione Russa e, di conseguenza, gli organi di tutela agiscono come organi autorizzati a dare un parere sull’istanza. In questa veste, gli organi di tutela e di curatela devono essere indicati nella domanda giudiziale designandoli come "Soggetto autorizzato a dare un parere sull’istanza".

Di conseguenza, non è corretto designare gli organi di tutela e di curatela come terzi.

2. Quali organi di tutela e di curatela devono essere coinvolti nel caso?

La legge non contiene indicazioni univoche su quali organi di tutela e di curatela territoriali debbano essere coinvolti nel caso.

Non è raro che si verifichino situazioni in cui il luogo di domicilio dei minori differisce dal luogo di residenza. In tal caso, dovrebbero essere coinvolti solo gli organi di tutela e curatela del luogo di domicilio del minore?

Ci sembra che sia meglio coinvolgere gli organi di tutela e curatela del luogo di residenza dell'attore, del luogo di domicilio del minore e del luogo di residenza del convenuto.

Gli organi di tutela per l'indirizzo di residenza dei bambini dovrebbero indicare nella perizia che i bambini non vivono effettivamente lì. La disponibilità di tale documento ridurrà il rischio di annullamento della sentenza in appello per il fatto che il fascicolo non contiene le perizie degli organi di tutela per l'indirizzo di residenza dei bambini.

3. Cosa deve essere indicato nel rapporto d’ispezione delle condizioni abitative e di vita?

Il rapporto di ispezione delle condizioni abitative e di vita del cittadino minorenne e della sua famiglia è un documento regolamentato redatto secondo un modello specifico.

La procedura per condurre un'indagine sulle condizioni di vita dei cittadini minorenni e delle loro famiglie è approvata dall'ordinanza del Ministero per i diritti dei minori della Federazione Russa del 10.01.2019 № 4.

Nel rapporto d’ispezione, oltre alle condizioni abitative e di vita in sé, devono essere presi in considerazione molti altri aspetti della vita del bambino: l'aspetto, le cure di base, l'adattamento sociale, la composizione delle persone che vivono effettivamente con il bambino, le relazioni tra queste persone e altri aspetti.

Di conseguenza, se il rapporto d’ispezione delle condizioni abitative e di vita contiene solo una descrizione della stanza in cui vive il bambino, tale rapporto è incompleto e contrario alla legge. Si raccomanda di riportare i commenti sull'incompletezza del rapporto d’ispezione delle condizioni abitative e di vita del minore nelle spiegazioni scritte.

4. Cosa deve contenere la perizia degli organi di tutela e di curatela dell’istanza?

La perizia dell’istanza dovrebbe indicare la posizione degli organi di tutela e curatela in merito alla possibilità di accogliere la domanda contenuta nell’istanza, tenendo conto di tutte le prove disponibili nel fascicolo.

A questo proposito, si prospetta che la perizia degli organi di tutela debba essere preparata e presentata all’interno del fascicolo solo dopo che sono state raccolte tutte le altre prove del caso.

Ad esempio, se per il caso viene stabilita una perizia psicologica e psichiatrica forense, gli organi di tutela e curatela dovrebbero esprimere il loro parere sull’istanza solo dopo aver preso visione della relazione degli esperti.

Di conseguenza, se l’organo di tutela e curatela fornisce la propria perizia prima che siano state raccolte tutte le prove necessarie per il caso, tale perizia degli organi di tutela è infondata.

5. Come viene valutato dal tribunale il rapporto d’ispezione delle condizioni abitative e di vita del minore e la perizia degli organi di tutela e curatela dell’istanza?

Va tenuto presente che per il tribunale nessuna prova ha un valore predeterminato. Tutte le prove vengono valutate dal tribunale nel complesso e ogni elemento di prova viene valutato separatamente per la sua rilevanza, affidabilità e ammissibilità.

Di conseguenza, la posizione degli organi di tutela e curatela per le domande giudiziali non è vincolante per il tribunale, che ha sempre l'ultima parola.

Tuttavia, l'assenza di una perizia, indipendentemente dal suo contenuto, rende impossibile per il tribunale prendere una decisione sul caso.

Nel caso in cui nel fascicolo del caso siano presenti perizie contraddittorie degli organi di tutela e curatela, il tribunale deve accettarne una come base per la decisione del tribunale, respingendo motivatamente le conclusioni dell'altra perizia, oppure respingere entrambe le perizie, indicandone i motivi.

Le controversie giudiziarie relative al figlio (figli) non sono così facili come può sembrare a prima vista (soprattutto in una situazione in cui i genitori sono in forte opposizione tra loro). I tempi in cui il figlio (figli) venivano affidati incondizionatamente alle madri sono ormai passati. Sempre più spesso sono i padri a pretendere di determinare il luogo di residenza del figlio (figli) presso di loro.

Costruire una posizione competente, raccogliere prove rilevanti, preparare regolarmente documenti processuali (note esplicative, obiezioni, ecc.), parlare con competenza in tribunale è impossibile senza l'assistenza professionale di un avvocato.

Siamo specializzati in casi di famiglia. Vi invitiamo a contattare gli specialisti in anticipo, anche in fase di riflessione sui passi da compiere e non quando è già stata fissata l'udienza per l'esame del vostro caso. È possibile inviare una richiesta di consulenza a law@pravoislovo.ru.

Atti degli organi di tutela e curatela nelle controversie relative all'educazione dei figli

Altri articoli correlati

Vedi articoli
Principali aspetti delle procedure per sposarsi e divorziare in Russia
По результатам многолетнего опыта работы с гражданами Италии мы накопили значительный опыт, позволяющий сделать некоторые выводы относительно отличий в процедурах заключения и расторжения брака на территории Италии и России, что, возможно, поможет лицам, планирующим вступить в брак или его расторгнуть, сориентироваться в основных аспектах данных процедур.
...
Nuove regole per la trascrizione del divorzio al Consolato Generale d’Italia
Secondo la legislazione italiana, un cittadino italiano è tenuto a comunicare al competente organo nostrano qualsiasi cambiamento del suo stato civile: spesso si tratta di matrimonio o divorzio e della nascita dei figli. Pertanto con trascrizione si indica proprio l’atto di inserire i cambiamenti di stato civile nel relativo registro italiano.
...
Trascrizione atto di morte (nascita, matrimonio, divorzio)
Un cittadino italiano residente all'estero è tenuto a notificare al proprio comune italiano o al comune AIRE di residenza qualsiasi modifica di stato civile che ha avuto luogo nello stato di residenza. In conseguenza di questa notifica, i dipendenti del comune inseriranno nel registro degli atti l'aggiornamento di stato civile. Questa procedura si chiama "Trascrizione".
...

Commenti

Aggiungi un commento